L'Agro Pontino 
La storia

Agro Pontino è la denominazione del territorio, un tempo coperto dalle paludi ed oggi bonificato, che corrisponde ad una pianura in gran parte alluvionale delimitata ad ovest e sud dal mar Tirreno, a est dai primi rilievi appenninici dei monti Lepini ed Ausoni, a nord dal medio corso del fiume Astura e dai primi rilievi dei Colli Albani.

L’etimologia del termine pontino è una questione molto dibattuta. Probabilmente deriva dall’antica città prima volsca di Suessa Pometia, citata da alcuni storici romani e sottomessa da Tarquinio il Superbo, da cui forse l’espressione Pometinum riferito al luogo; oppure entrambi derivano dal sostantivo Pontus, Pontos, che in greco significa mare o distesa d’acqua (vedi anche Ponza e Ponto).

Con il termine pianura pontina si indica, spesso come sinonimo di Agro pontino, il territorio pianeggiante del Lazio compreso fra Terracina, Anzio, il Circeo e i Monti Lepini ottenuto con la bonifica delle paludi pontine negli anni trenta.

 

 

Punti di interesse